CarWorld

Notícias de Carros, Revisões de Especialistas, fotos, vídeos e Guias de Compra

I posti migliori per celebrare il Giorno dei Morti nel Messico centrale


Il giorno dei morti Città del MessicoQuando alla fine morirai, non vorresti che la tua famiglia si ricordasse di te con una festa ogni anno? Sarai accolto a casa con i tuoi cibi preferiti, musica, battute ed elaborate decorazioni personalizzate. Due giorni sarebbero stati dedicati ai bei momenti che hai condiviso e al divertimento. Amiamo questo sguardo spensierato alla morte e alla celebrazione della vita che si manifesta in tutto il Messico ogni 1 e 2 novembre. Elementi di Día de Muertos risalgono a migliaia di anni fa, anche se quando i conquistadores spagnoli arrivarono nel XVI secolo, le tradizioni indigene e cristiane dovettero trovare un modo per coesistere. Per praticare sotto il dominio cattolico, gli Aztechi adottarono Ognissanti e Ognissanti e altri simboli del cristianesimo aggiungendo altari e croci alle loro esibizioni pagane. Quella che era iniziata come una soluzione alternativa è ora una delle espressioni culturali più poetiche, al livello di guadagnarsi lo status di UNESCO. Eravamo entusiasti di tornare per il nostro terzo Day of the Dead, questa volta su incarico per Lonely Planet e Visit Mexico. Per trovare i posti migliori per celebrare il Giorno dei Morti nel Messico centrale, abbiamo esplorato cinque città in cinque giorni, dalla marcia come scheletri nella parata di fama mondiale di Città del Messico all’ornamento di altari nelle case delle famiglie indigene. Scopri le tradizioni del Giorno dei Morti, gli eventi da non perdere e cosa puoi aspettarti quando vai in Messico per questa celebrazione ultraterrena.

Corso Crash del Giorno dei Morti

Un ofrenda fuori Plaza Machado, Mazatlán. Foto di Honey Trek

Nell’autunno del 2014 abbiamo alloggiato a Mazatlán, una splendida città coloniale sulla costa pacifica del Messico, entusiasti del fatto che il nostro soggiorno si sia sovrapposto a Día de Muertos… ma non siamo del tutto sicuri di cosa ciò comporterebbe. Le panetterie iniziarono a riempirsi di pan de muerto, il colorato papel picado veniva appeso per le strade e l’icona di Catrina, lo scheletro della grand dama di Día de Muertos, sembrava presiedere la città. Siamo entrati in un negozio che vendeva costumi e gli abiti di Dracula e Sponge Bob che ci saremmo aspettati a fine ottobre, sono stati sostituiti con risme di pizzo nero, rose rosse e abiti scheletrici. Come abbiamo imparato, spogliarsi fino all’osso ci ricorda che la morte è il grande equalizzatore. Non importa quanto siate nell’alta società, non c’è modo di sfuggire al vostro creatore, e solo per ricordare questo fatto a politici e persone mondane, i giornali pubblicavano “calaveras” letterari, epitaffi sarcastici con una caricatura ossuta sul consiglio del sindaco. Più chiacchieravamo con Mazatlecos, più ci rendevamo conto che Día de Muertos ci ricordava di non prenderci sul serio e che anche quando moriamo, la festa non finisce.

Costumi: non è Halloween

Trucco del giorno dei morti
Travestirsi da Catrinas per Callejoneada di Mazatlán. Foto di Honey Trek

Questa è una delle feste più festive in Messico, quindi quando abbiamo chiesto alla nostra vicina Julia un consiglio sui costumi, ha portato giù una scatola di pittura per il viso, boa, parrucche, poncho e un enorme cappello nero decorato con piume e fiori. Indossare una rosa tra i capelli non li avrebbe tagliati. Si è fatta dipingere professionalmente tutto il corpo in uno scheletro e ci siamo fatti strada armeggiando attraverso i tutorial di YouTube per trasformarci in teschi di zucchero per la parata.
SUGGERIMENTO: Mazatlán è una delle tante città del paese ad ospitare una processione multidimensionale. Oltre alle città del Messico centrale sottostanti, anche Oaxaca, Guanajuato, Merida e il lago Pátzcuaro sono eccellenti destinazioni di Día de Muertos.

Callejoneada: Partecipare alla parata

I posti migliori per celebrare il Giorno dei Morti nel Messico centrale
Marciando tra i carri di Día de Muertos a Mazatlan. Foto di Honey Trek

Il 1° novembre è sceso il tramonto e siamo scesi in strada, insieme a migliaia di Catrina e carri con mostre artistiche in onore dei grandi cittadini di Mazatlán. Abbiamo fatto tappa ai grandi altari della città, ovunque, dagli edifici governativi alle dimore storiche, per rendere omaggio con caramelle, monete e preghiere. A differenza della maggior parte delle città, il parader preferito di Mazatlán è un asino che trasporta fusti di birra gratis. Prendilo se puoi.

Ofrendas: offerte di amore, risate e bottino

Ofrenda Dia de Muertos
I nostri amici Ale & Kiko ofrenda ai loro antenati. Foto di Honey Trek

Più che una favolosa parata, Day of the Dead è una vacanza in famiglia. Al centro della tradizione c’è la costruzione di un ofrenda (mostra d’altare) per onorare e accogliere a casa i membri della famiglia che sono passati. Gli Ofrenda sono profondamente simbolici; calendule aromatiche e lume di candela sono usati per guidare la via dal cielo; il sale viene messo per purificare la loro anima e l’acqua disseta, mentre dolci, alcol e decorazioni nostalgiche incoraggiano i morti a rimanere per un po’. Vivendo a Mazatlán per sei settimane, siamo stati fortunati ad avere amici che ci hanno invitato nelle loro case per prendere parte alle celebrazioni più intime, raccogliendoci intorno al tavolo per tamales, risate e una passeggiata lungo il viale della memoria.
SUGGERIMENTO: prova a pianificare un soggiorno in famiglia su Airbnb, Couchsurfing o Homestay.com per aumentare le tue probabilità di vivere un’esperienza altrettanto intima.
Guarda la nostra galleria di foto video dal Mazatlán Día de Muertos.

Feste a Graveside

Il giorno dei mariachi morti
Mariachis che fa una serenata ai morti. Foto di Alan Duran; Wikicommons

Ci siamo svegliati alle 10 del mattino successivo, lavati via il resto della nostra pelle scheletrica e ci siamo diretti al cimitero per la Commemorazione dei defunti: seconda parte di Día de Muertos. Il cimitero era un mare di calendule, candele e famiglie. Penseresti che un cimitero sarebbe un posto cupo, ma ogni lapide stava organizzando la propria festa. Per ricondurre gli spiriti al loro luogo di riposo, le famiglie si sono radunate intorno a tombe decorate per i picnic, con una porzione extra per il defunto. I musicisti della Banda sono passati da una trama all’altra accettando le richieste per la canzone preferita dei morti. Abbiamo visto momenti più personali di preghiera e anche qualche lacrima, ma quando tutti condividono una giornata per “piangere”, nessuno si sente solo.

Il nostro Día de Muertos Grand Tour del Messico centrale

Ofrenda
Il nipote di un contadino defunto di agave gli fece questa bella ofrenda. Foto di Honey Trek

Dopo la nostra esperienza a Mazatlán, sapevamo che saremmo tornati in Messico per Día de Muertos. Con profonde radici indigene, ogni regione ha le proprie interpretazioni della vacanza. Sul lago Pátzcuaro, c’è una processione di barche a lume di candela, dove i pescatori fanno roteare le reti delle farfalle per attirare gli spiriti alla grande festa. A Tuxtepec, la gente del posto crea elaborati disegni di tappeti dalla segatura lungo le strade. Quindi, per il Día de Muertos 2017, siamo volati in Messico centrale ed abbiamo esplorato cinque città per vedere come si manifestavano i festeggiamenti da un luogo all’altro.

Sfilata di Città del Messico

Il nostro ultimo viaggio in Día de Muertos è iniziato a Città del Messico, una capitale ricca di storia e cultura. Anche se curiosamente Day of the Dead non è mai stato nell’elenco dei festival di CDMX, fino al 2016. Quando il James Bond Spettro film uscito in tutto il mondo, con una scena di apertura di una parata di Día de Muertos attraverso il Centro Historico, ha tutti chiesto a gran voce di venire alla Ciudad de Mexico per il festival…che non esisteva. Un paese di ingegno, il Messico ha visto questo come un invito a trasformare la fantasia in realtà, con una parata che ha mostrato in modo più accurato il significato del Giorno dei Morti, mentre organizzava una festa per dare una svolta al film. La parata è stata un tale successo, è qui per restare. Il tema del 2017 era La Muerte Viva e Carnaval de Calaveras con oltre 1.000 artisti, una dozzina di carri allegorici e spettacoli fantastici che marciavano a sette chilometri dall’Estrela de Luz, lungo l’Avenida Reforma fino alla grande piazza dello Zocolo. Usando le nostre credenziali Lonely Planet, siamo andati nel backstage con gli artisti e poi abbiamo marciato nella parata, trucco scheletrico e tutto il resto. Guarda i diablo sputafuoco, le bande musicali azteche e centinaia di Catrina che volteggiano mentre andiamo dietro le quinte dell’ultima celebrazione della vita e della morte.

Celebrazioni del raddoppio a Puebla e Cholula

Celebrando il Giorno dei Morti in Messico
La Casa de Cultura è il fulcro dei festeggiamenti del Día de Muertos a Puebla. Foto di Honey Trek

Domenica mattina ci siamo diretti verso sud verso Puebla e Cholula. Abbiamo scelto queste città vicine, con l’UNESCO scritto dappertutto, perché parlano del mashup religioso di Día de Muertos. Puebla è classicamente coloniale e molto cattolica, mentre il suo vicino Cholula era un centro religioso pagano risalente all’1 d.C. e ha ancora una fiorente popolazione indigena. Insieme costituiscono una vivace scena culturale con tonnellate di eventi intorno a Día de Muertos, tra cui una mostra di 50 teschi, un concorso di tessitura di tappeti preispanici, una sfilata di moda Catrina e ofrendas in tutta la città. Guarda la nostra galleria di Facebook e le nostre storie di Instagram in evidenza da queste due città.

Casa per casa a Huaquechula

I posti migliori per celebrare il Giorno dei Morti nel Messico centrale
Seguendo i percorsi delle calendule nelle case locali per le celebrazioni della vita a Huacachula.

Un’ora a sud-ovest di Puebla, il villaggio indigeno di Huaquechula è rinomato per i suoi imponenti altari piramidali. Non sono in mostra in un centro culturale, sono solo nelle case di coloro che hanno avuto la morte di un membro della famiglia in quell’anno solare. Penseresti che in un’occasione così cupa non vorresti che gli ospiti della casa (tanto meno estranei) passassero di qui, ma è incoraggiato. Il 1° novembre, i sentieri fatti di petali di calendula vengono cosparsi sulla strada in modo che i visitatori e gli onorati defunti possano trovare la strada per la celebrazione. Siamo entrati in una casa con un altare di tre piani per un bambino di 10 mesi. Proprio quando ho sentito i miei occhi gonfiarsi, la madre è venuta a offrirmi un succo di ibisco e ci ha chiesto di restare per il neo. Mentre abbiamo adorato la sfilata svolazzante e le opere d’arte abbaglianti in tutto il Messico centrale, questo è stato forse il nostro momento più memorabile di Día de Muertos.

Sveglia tutta la notte a San Andrés Mixquic

Gioco degli Ulama
Seduto in prima fila alla partita di Ulama, un gioco di palla mesoamericano riportato per Dia de Muertos di San Andrés Mixquic.

Scegliere dove sarebbe il posto migliore in assoluto per celebrare il Giorno dei Morti nel Messico centrale la notte del 1° novembre, l’apice della celebrazione del Dia de Muertos, è una scelta incredibilmente difficile quando ci sono migliaia di festeggiamenti in corso. Come abbiamo scelto? Una raccomandazione di un tassista (chiedete sempre alla gente del posto) ci ha portato a San Andrés Mixquic, proprio ai margini di Città del Messico. Questa città dell’XI secolo ha mantenuto le sue tradizioni pagane e considera Día de Muertos il periodo più importante dell’anno. Iniziano i festeggiamenti quando la campana della chiesa suona la mezzanotte del 31 ottobre, segnalando l’arrivo delle anime dei bambini defunti. La mattina del 1, mentre altre città aspettano la sfilata notturna, fanno colazione nelle ofrendas. Al calar della notte, gli spiriti si scambiano di posto e iniziano i festeggiamenti degli adulti. Siamo entrati nel cimitero proprio mentre le famiglie stavano finendo di decorare e preparandosi per una notte di divertimento. Il festival di strada ha attraversato isolati con mostre d’arte Catrina e Azteca che correvano per il centro, case decorate con cartelli che accoglievano i loro morti come “Bienvenida Maria Elena!”), tonnellate di venditori di cibo e una corte di ulama. Questo gioco mesoamericano giocato con una palla di gomma da 8 libbre e colpito con l’anca, è uno degli sport più antichi al mondo praticati ininterrottamente, quindi vederlo giocato in completo costume con sfarzo religioso era irreale! Abbiamo spinto il nostro divertimento fino alle 3 del mattino (storia lunga ma interessante, qui).

Divertimento in tempo reale

I posti migliori per celebrare il Giorno dei Morti nel Messico centrale
Ci sono stati così tanti momenti incredibili catturati sui social media che abbiamo dovuto creare una pagina speciale di HoneyTrek per condividerli tutti a colpo d’occhio. Non vedo l’ora di tornare e celebrare il nostro quarto Dia de Muertos in Messico!



Source link