CarWorld

Notícias de Carros, Revisões de Especialistas, fotos, vídeos e Guias de Compra

Una carenza globale di competenze che potrebbe vedere la perdita di alcuni dei veicoli più iconici della storia


Ciao.
Scusa, è passato così tanto tempo. Ecco, ecco le mie scuse! Ad essere onesti, è una strada a doppio senso e non è che ti sei preso la briga di scrivermi, quindi concordiamo di andare avanti e parlare di alcune macchine ora. È stata un’e-mail durante la settimana in cui mi chiedevo di un evento Cars and Coffee che mi ha fatto capire che non aggiornavo il blog da quasi un anno. Pazzo.

Dove sei stato? Che cosa hai fatto? Molte novità? No? Ok. Noi invece, voglio dire wow, cosa non abbiamo fatto! Beh, non molto. Saresti sorpreso di quanto tempo ci vuole per ripristinare alcune auto. Il tempo vola davvero.

Solo guardando quello che ho scritto l’ultima volta… “Il Paese è quasi tornato” – non mi sbagliavo completamente, è solo che ora è un po’ più come se il Paese fosse quasi arretrato. (Sono molto bravo con le parole vero? “Scrivi più cose” dici “non vengo pagato abbastanza” rispondo.

Sono solo io o il settore dei servizi in Irlanda è andato ai cani? Sono convinto che gli scarsi livelli di servizio clienti in giro per il posto siano un effetto collaterale di tutte le vaccinazioni. Ma questo è il problema di qualcun altro da risolvere e supererò l’attesa di 5 ore prima che qualcuno prenda il mio ordine di cibo. Il mio problema principale è con l’industria automobilistica: è un vero incubo quando si tratta di assumere persone qualificate. Dove sono finiti tutti?

Morris Minor restauro

Qui a LG HQ sulla Spanish Point Riviera dove abbiamo una lista d’attesa di oltre 6 mesi – 1 anno per i restauri, la richiesta di auto d’epoca di qualità non è mai stata così alta. Tuttavia, la disponibilità di persone qualificate di qualità necessarie per poter svolgere il lavoro necessario non è mai stata minore.

“Le competenze del patrimonio richieste per mantenere questi veicoli, che in passato sono passati da una generazione all’altra, rischiano di andare perdute. Non abbastanza delle conoscenze e delle abilità necessarie vengono trasmesse ai giovani appassionati che arrivano.

L’industria dei veicoli storici è cresciuta in modo significativo e ora vale più di 5,5 miliardi di sterline nel Regno Unito e, sebbene il personale sia salito a 34.900, la loro età media è di 42 anni. Le stime suggeriscono che il settore ha bisogno di almeno 150 nuovi apprendisti all’anno per il prossimo cinque anni per sopravvivere, con il 40% dei datori di lavoro che afferma di lottare per trovare personale qualificato”. https://www.autoexpress.co.uk/car-news/102958/classic-car-restoration-new-course-teaches-the-art-of-caring-for-classics

“La FIVA, la federazione internazionale dedicata ai veicoli storici, avverte di una carenza globale di competenze che potrebbe vedere la perdita di alcuni dei veicoli più iconici della storia a meno che non venga introdotta nuova linfa nell’industria del restauro, con una formazione specialistica urgentemente necessaria per evitare la morte di abilità vitali fuori.

Questa è stata la conclusione principale raggiunta in un simposio internazionale sostenuto dalla FIVA a Bucarest il 24 luglio 2021″. https://classicsworld.co.uk/news/classic-skills-shortage/

Mentre il problema della mancanza di personale qualificato per lavorare su auto d’epoca è qualcosa che vediamo ormai da qualche anno, sembra che le officine e i principali concessionari che si occupano delle auto più moderne (moderne, non moderne) stiano iniziando a lotta anche tu. I giovani semplicemente non seguono più la strada dell’apprendistato. Difficile dar loro torto, la paga è scioccante, penso che gli elettricisti vengano pagati di più per il loro apprendistato? Questo è ancora più scioccante (eh, giochi di parole) quando ti rendi conto che molto presto la maggior parte delle auto sottoposte a manutenzione sarà completamente elettrica.

La spinta è lì per incoraggiare le persone a entrare nella meccanica dei motori e nel battito dei pannelli, non ne sono sicuro, ad essere onesti. (L’unità è lì… hai visto cosa ho fatto lì?) Questa volta l’anno scorso abbiamo intrapreso un viaggio con alcune agenzie governative per creare un Accademia di formazione per auto d’epoca qui nell’ovest dell’Irlanda, ma purtroppo non doveva esserlo. Il libro di testo ora sta raccogliendo polvere sullo scaffale qui… il che mi ricorda che la donna delle pulizie deve entrare.

Ad ogni modo, questa è la nostra triste storia – è, nelle mie parole, molto triste. Se vuoi leggere qualcosa in più su come sta facendo il Regno Unito per risolvere questo problema, copierò e incollerò l’articolo qui sotto.

Giusto, a parte tutto questo, ne abbiamo fatto un sacco! Alla squadra è stata aggiunta una Porsche Boxster S, e improvvisamente le mie tasche si sono alleggerite per tutti i pezzi acquistati… il prezzo di un portachiavi Porsche è scandaloso, a dire il vero, scandaloso. Nuovi coil over BC Racing, nuovi freni, aggiornamento delle sospensioni, luci, servizio completo, serratura della porta e ore e ore di lucidatura hanno lasciato questa vettura fantastica. Sarà presto in vendita, quindi se sei interessato 2001 Boxster (auto del prete, nessuno si è mai seduto dietro, non fumatore, ecc.) contattaci!

2001 Porsche Boxster S

Un raggio di sole è arrivato e se ne è andato, così come alcuni MG B e Midgets. C’è una BMW 2002 qui in questo momento – possiamo finalmente vedere un po’ di luce alla fine del tunnel di saldatura TG. MG As, Morris Minors, Mercs e alcuni altri sono passati tutti attraverso le porte negli ultimi tempi. Ancora più eccitante è che le parti hanno iniziato ad arrivare per un resto-mod Datsun Z che stiamo per costruire.

Ok amici, con tutto questo parlare dell’aumento del costo della vita e delle persone che hanno meno reddito disponibile da spendere, sembra che dovrò davvero lavorare ora.

ACQUISTA QUALCHE CAFFÈ

È giunto il momento che tu sostenga la tua attività locale, le persone inizino a parlare e dicono che sei terribilmente stretto. E i fagioli scadranno presto, quindi dovremo frustarli prima. Lel.

Se hai pensieri, feedback, idee o qualsiasi altra cosa, inviaci un messaggio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare Javascript per vederlo. Seguici su Facebook, Instagram, LinkedIne ci stiamo muovendo Tic toc anche.

Devo andare, finire i piani per un centro / hub di auto d’epoca qui e devo concentrarmi per mantenere la colorazione tra le righe.
K grazie a dopo ciao.

La FIVA avverte della carenza di competenze globali
Articolo da Classics World, agosto 2021.

La FIVA, la federazione internazionale dedicata ai veicoli storici, avverte di una carenza globale di competenze che potrebbe vedere la perdita di alcuni dei veicoli più iconici della storia a meno che non venga introdotta nuova linfa nell’industria del restauro, con una formazione specialistica urgentemente necessaria per evitare che le abilità vitali si estinguano .

Questa è stata la conclusione principale raggiunta in un simposio internazionale sostenuto dalla FIVA a Bucarest il 24 luglio. Ospitato dal Retromobil Club Romania, “Restoration – Art or Science?” ha visto un susseguirsi di autorità di fama mondiale rivolgersi a ospiti provenienti da 10 paesi, con l’evento anche trasmesso in streaming online a migliaia di persone in tutto il mondo.

Tra i relatori, Stéphane Guarato e Arthur Morault, che hanno spiegato come la mancanza di manodopera qualificata significhi che alcuni appassionati di auto aspettano tre anni prima che inizino i lavori sulle loro classiche. La coppia dirige il Conservatoire National des Véhicules Anciens vicino a Parigi, dove gli studenti acquisiscono esperienza nelle tecniche di restauro di base prima di passare a una formazione specialistica. Stéphane e Arthur ritengono che il crescente divario tra le competenze necessarie per le riparazioni di auto moderne e quelle necessarie per il restauro storico sia parte del problema, così come la difficoltà di attirare i giovani nel settore. Attualmente, metà dei loro 150 studenti ha circa 60 anni Anni.

Inoltre, Michel Lamoureux, consulente principale per un programma di formazione sul restauro di veicoli storici che inizierà in Canada a partire da settembre 2022, ha avvertito che la prossima generazione di specialisti alle prime armi rimane allarmantemente piccola data l’urgente necessità delle loro competenze in un’industria mondiale che vale miliardi di dollari.

Il presidente della FIVA Tiddo Bresters ha descritto la carenza di competenze come una “sfida esistenziale” per il futuro dell’automobilismo classico: “Questo è uno degli obiettivi primari della FIVA: promuovere la conservazione dei veicoli storici e trasmetterli in condizioni di lavoro alle generazioni future”, ha ha dichiarato.

Caffè a tema auto

Il Regno Unito è all’avanguardia

I critici sentiranno senza dubbio che l’invito all’azione della FIVA è arrivato piuttosto tardi. Nel Regno Unito, la comunità delle auto d’epoca è da tempo preoccupata per la mancanza di meccanici e restauratori adeguatamente qualificati che entrano nel settore ed è stata molto positiva nel fare qualcosa al riguardo.

Fino a poco tempo, l’industria faceva affidamento sull’eredità di ingegneri e artigiani formati negli anni ’50, ’60 e ’70, il che significava che non c’era traccia di potenziale nuova linfa e qualsiasi formazione disponibile era di scarsa rilevanza.

Rendendosi conto di ciò, Karl Carter e Francis Galashan della Federation of British Historic Vehicle Clubs della Federation Skills Trust, sostenuta da FBHVC, sono stati determinanti nell’introduzione di un corso di restauro di veicoli classici nel 2014 e nel 2015 lo specialista Rolls-Royce P&A Wood ha selezionato l’allora nuovo Heritage Skills Academy (HSA) per reclutare otto apprendisti e fornire un programma di formazione su misura. Tutto ciò ha portato FBHVC e HSA a unire le forze per sviluppare una Classic Vehicle Training Academy presso Bicester Heritage nel 2017, che da allora è andata sempre più rafforzandosi.

Pochissimi paesi possono vantare un programma finanziato dallo stato per questo tipo di apprendistato, ma il Regno Unito è stato in grado di trarne un vantaggio significativo. La crescita è stata inevitabilmente leggermente smussata dalla pandemia, ma c’è stato un aumento impressionante dai 70 apprendisti dell’anno scorso ai 110 attuali, con altri 36 a partire da settembre e altri in arrivo poiché un certo numero di datori di lavoro già coinvolti cercano di assumere un secondo o addirittura un terzo apprendista. L’età va dai 16 ai 59 anni, ma i maggiori hanno dai 19 ai 25 anni.
Inoltre, quest’anno c’è stata un’espansione in una seconda sede al Brooklands Museum, con quattro gruppi con sede nella sede del Surrey e sette a Bicester. Tre gruppi stanno attualmente seguendo il nuovo corso di carrozzerie lanciato lo scorso anno, mentre il resto è al corso di meccanica.

Il successo dell’HSA risiede nell’avere un modello strutturato e coerente che ha dimostrato di funzionare. “Abbiamo identificato il problema, abbiamo convinto l’industria che abbiamo una soluzione, abbiamo sviluppato un programma a cui hanno contribuito, lo abbiamo consegnato e abbiamo guadagnato la fiducia di tutti i grandi attori nel settore del Regno Unito”, ha affermato John Pitchforth, amministratore delegato di HSA. “Abbiamo anche attirato l’attenzione di America, Francia, Belgio, Svizzera e Norvegia, che sono venuti tutti per vedere cosa facciamo. Diamo il benvenuto a lavorare con chiunque.

Restauro BMW 2002

“Il Regno Unito è praticamente un leader mondiale in quello che facciamo, ma non ci occupiamo solo del lato storico; anche sull’adozione di moderne tecnologie e tecnologie verdi. Vogliamo essere parte della soluzione verde, non parte del problema”.

Momentum ha costruito costantemente anche altrove nel Regno Unito. L’Association of Heritage Engineers (AoHE) è stata fondata da Dominic Taylor-Lane tre anni e mezzo fa per promuovere, supportare e facilitare una cascata di competenze ed esperienze da tutto il settore del patrimonio a una nuova generazione. Ha recentemente ampliato tale obiettivo con la creazione della sua rete di competenze sostenibili, che mira a dimostrare come l’industria abbia le competenze trasferibili per andare oltre il settore dei veicoli storici e creare un futuro basato sulla riparazione genuinamente sostenibile.

Non vediamo l’ora di vedere cosa può ottenere la neonata Historic & Classic Vehicles Alliance (HCVA) nel suo obiettivo di preservare le competenze incoraggiando il settore a raggiungere i più giovani ed entusiasmarli sulle prospettive di entrare nel settore.

Mentre c’è ancora molta strada da fare per garantire che le abilità vitali non vadano perse, ci sono una serie di segnali positivi. Come hanno dimostrato artisti del calibro di HSA, stiamo facendo molto bene nel promuovere una nuova cultura intorno alle capacità di restauro e, se ciò può estendersi a livello globale, può solo essere utile per mantenere i nostri preziosi classici sulla strada.





Source link